Kossovo

Sguardo sulla/e Heimat(en)
Una mostra fotografica nata dalla combinazione di tre progetti partecipativi, che apre uno sguardo sul Kossovo attraverso gli occhi dei giovani, per scoprire il loro mondo, la loro vita, i loro sogni e speranze. Una terra da conoscere, con tante identità diverse. Un modo anche per conoscere da vicino il paese di origine di alcuni dei nostri nuovi concittadini.

Einblicke in Heimat(en)
Eine Fotoausstellung, zusammengestellt aus drei partizipativen Projekten, mit der Jugendliche aus dem Kossovo uns Einblick in ihre Welt, ihren Alltag, ihre Träume und Hoffnungen eröffnen. Kossovo, ein Land, das es zu entdecken gilt, Heimat vieler Identitäten.

Leggi tutto...

Ciao Kossovo


La situazione in Kossovo è cambiata molto negli ultimi anni, il conflitto si è attenuato e di conseguenza la tensione. Non c’è più emergenza ed è principalmente per questo che abbiamo deciso di chiudere la nostra presenza. 

“Adesso tocca ai Kossovari costruire il loro Stato”, è questo il pensiero che accomuna molti enti internazionali che hanno operato e operano in Kossovo, ma a mio avviso  “il popolo Kossovaro”  è più una speranza che una realtà, poiché resta diviso etnicamente, politicamente, socialmente.

Leggi tutto...

La nascita di una sfida - Kossovo


La prima volta che sono stata in Kossovo non avevo nessun tipo di aspettativa, non avevo idea di dove sarei capitata ne con chi. L’unica storia che conoscevo di questo Paese l’avevo studiata nei libri di scuola. 

Mi sono resa immediatamente conto che tutte le mie “conoscenze” non valevano un accidente. Una volta “atterrata” in questo territorio non ho potuto far altro che ascoltare. Ascoltare i rumori di una città come Pristina, ascoltare i silenzi di un villaggio come Goraždevac, ma soprattutto ascoltare le persone.

Leggi tutto...

 No Borders - il diario


11 agosto 2010

Il mio primo giorno in Kossovo è cominciato con l’ultimo incontro di preparazione dell’esposizione fotografica “No borders”. I ragazzi, molti studenti della facoltà d’arte di Pristina insieme ad altri studenti delle scuole superiori di Gracanica, serbi e albanesi, hanno riguardato le 25 foto originali da loro scelte negli incontri precedenti. Attraverso una breve discussione sono state infine scelte le 25 che esprimevano con maggiore efficacia il messaggio dei ragazzi.

Leggi tutto...