La Corte d'Appello di Ancona accorda la protezione internazionale per motivi umanitari a un richiedente albanese, al quale era stata negata in primo grado. La decisione è di grande importanza poiché riconosce che forme di giustizia consuetudinaria, come il fenomeno della vendetta di sangue secondo l'antico codice del Kanun, possono essere motivo di richiesta di tutela internazionale.

 

Leggi tutto...

Nel 2014, in occasione dello Universal Periodic Review (UPR) sull'Albania indetto dal Consiglio dei Diritti Umani dell'ONU di Ginevra, i rappresentanti dell'Ass. Comunità Papa Giovanni XXIII hanno denunciato, attraverso la divulgazione di un documento, le violazioni dei diritti umani causate dalla pratica del fenomeno delle vendette di sangue.

Leggi tutto...

Albania

La vendetta di sangue purtroppo è ancora presente in Albania e in Kossovo. Di seguito riportiamo un raro caso in cui la commistione tra antiche tradizioni e moderne istituzioni locali ha dato origine a una riconciliazione reale ed effettiva tra le famiglie in conflitto.

Il testo è tradotto dall’articolo riportato in Balkan Insight del 4 novembre 2016.

Leggi tutto...

dal The Telegraph (Peter Foster) - Europe Editor a Scutari, Albania // 16 Aprile 2016

Si tratta delle cosiddette “vendette di sangue” dell'Albania – oscure trame di vendetta che si dipanano dalle incontrollate montagne del nord del paese e rievocano un codice di giustizia medioevale che mette in conflitto un clan contro l'altro in cicli di omicidi senza fine.
Sono storie che non dovrebbero accadere nella moderna Albania – dotata di rete 4G, membership Nato e status di candidato all'Adesione all'Unione Europea – ma che nel decadente quartiere degli uffici della capitale Tirana sono storie che si raccontano di oggi, non del tempo che fu.

Leggi tutto...