Camminando per i quartieri distrutti di Homs, porti dentro una curiosità quasi morbosa su ciò che ci circonda.
Si vorrebbe capire, toccare con mano le rovine, divorare con lo sguardo, dopo anni passati a sentire racconti e a guardare foto e mappe nei campi profughi del Libano.
Poi a Homs ci si arriva per davvero, la seconda volta nel giro di un anno, a percorrere queste terre.
Il vuoto che c’è intorno però non parla, ti risucchia in un vortice dove non esiste senso, e i pensieri e i panorami sono tutti uguali.
Ti aspetti di provare qualcosa di particolare, e cammini, e fai foto in queste zone dimenticate dal mondo e devastate dalla violenza, e vai sempre più avanti, tra pozzanghere e civili in cerca di legna da rubacchiare per bruciare e riscaldarsi.
Cerchi qualcosa e non lo trovi, e ti chiedi perché.

Leggi tutto...

Il prossimo 8 febbraio si terrà a Bologna la seconda Assemblea per la Proposta di Pace “Noi Siriani”.

La situazione si fa sempre più faticosa soprattutto per gli attivisti dei Diritti Umani ed è per questo che urge mettersi al lavoro per definire le prospettive future delle Proposta di Pace, in modo che possa diventare una soluzione sempre più concreta per creare un cambiamento all'interno di questo meccanismo di morte in cui i profughi siriani sono intrappolati.

Vi chiediamo quindi di non essere soltanto i firmatari della Proposta, ma di aiutarci a delineare insieme quello che può essere il futuro e la costruzione di una risposta alternativa a questo dramma che è la guerra.

Per Maggiori Informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leggi tutto...

Mi chiedo come si trasformi un legame di dono cambiando le circostanze in cui vive il legame.
Per esempio qui in libano le persone sono portatori di dolore, un dolore nascosto, sotterraneo che si rivela nei sogni (o nell'insonnia).
I Corridoi Umanitari sono un tunnel magico, al cui interno le cose si ribaltano, nascono e muoiono (mi viene in mente quel tunnel che le mie maestre delle elementari ci avevano costruito per farci vivere attraverso i sensi l'esperienza della nascita).
All'atterraggio molte delle patologie preesistenti guariscono, come la vulnerabilità, la precarietà, la solitudine, l'abbandono.
Resta la gratitudine, per chi ha permesso tutto questo, per la vita.
Non resta altro che riprendere da dove si era interrotto.

Leggi tutto...

B. è una delle nuove anime del campo.
A volte nel silenzio delle tende al mattino la sua voce tuona potente, a volte passando accanto alla nostra tenda fa risuonare uno dei nostri nomi, trascinandone la fine, come un coro.
Inspiegabilmente usa parole molto diverse da tutti gli altri per dire le cose più banali, mandando in difficoltà noi volontari, e al tempo stesso con lui ci capiamo veramente molto, grazie all’universalità delle risate e della bellezza di passare del tempo insieme, in questo luogo dove ieri e domani sono indistinguibili dall’oggi.
A volte ridiamo così tanto da non riuscire più a parlare.

Leggi tutto...

Sono in tenda, si sentono le gocce sbattere sul tetto, rimbombano in questo cubo che tutto sente.
Oggi è stata una di quelle giornate in cui mi son sentito affidato.
Una di quelle in cui scivoli verso un materasso, senza alcuna paura né della caduta né della discesa.
Una di quelle dove la vita ti prende a braccetto e ti chiede di seguirla.
Mi son sentito fortunato.
Ahmed il bambino cieco è come una cisterna di insegnamenti, in primis quello della vulnerabilità.
Le sue richieste mi arrivano così necessarie da lasciarmi meravigliato.
Vorrei quasi non smettesse mai di chiedere.
Strano.

Leggi tutto...