Ogni anno, centinaia di minori palestinesi sono vittima dello stesso scenario.
Irruzioni in casa, anche nel cuore della notte, arresti, intimidazioni. Bendati e ammanettati, vengono trasferiti alla stazione di polizia per l’interrogatorio, spesso sottoposti a violenza lungo il percorso. Interrogati – alcuni dopo ore in transito, altri senza cibo o acqua per ore, altri privati del sonno. Soli, senza un adulto di cui si fidino al loro fianco, e senza la possibilità di consultare un avvocato. Spesso i bambini rilasciano confessioni dopo abusi verbali, minacce, violenza fisica e psicologica.

Leggi tutto...

“La banalità del male” è stato il primo libro che ho letto una volta tornata.
Per anni era stato lì sulla libreria a guardarmi, al mio ritorno in Italia il suo momento è arrivato… a volte penso che fosse l’unico libro possibile dopo l’esperienza in Palestina.
Ripenso ad un episodio in Khelly, con un soldato: lui mi tendeva la mano per aiutarmi a scendere in strada dalle rocce, mentre il collega strattonava il pastore e gli metteva le fascette alle mani.
Quanto può essere subdolo un sistema - quanto possiamo essere subdoli noi nel seguirlo - se ti permette di riconoscere qualcuno come umano e qualcuno come inesistente?
Come poteva quel soldato insistere nell’aiutarmi senza vedere che proprio lì accanto c’era un uomo ammanettato e strattonato ingiustamente?
Io valevo una mano tesa in aiuto, il pastore non valeva nemmeno uno sguardo.

Leggi tutto...

Mancano due giorni, a quando ti saluterò ancora una volta.
Ti ho incontrato per la prima volta un anno fa, ed è nata una di quelle storie d'amore che si vedono nei film: i tuoi campi, le tue colline piene di verde e i sorrisi della gente che mi hanno accolto qui, dove pensavo che avrei fatto un’esperienza di tre mesi, ma che è diventata Casa.
Eri strana, mia Palestina, soprattutto agli occhi di chi non ti aveva mai visto, e mai aveva compreso delle tue incoerenze, se non quelle lette nei libri.
Vidi il muro che ti avevano costruito attorno, con strisce di sabbia ai suoi lati per controllare che nessuno vi si avvicinasse, e filo spinato alla sua cima, e mi chiesi perché l'uomo avesse deciso di dividersi dai suoi simili, con quella barriera.

Leggi tutto...

12/03/2020

Come faccio a spiegarti cosa significhi essere zoppa
non avendo mai dovuto subire un’amputazione, non avendo mai avuto un grave incidente, o essendo nata con tutte e due le gambe funzionanti?
Come faccio a spiegarti cosa significhi essere cieca
non essendomi mai scontrata con i frammenti di una mina, non avendo mai avuto una malattia degenerativa, o essendo nata e vivendo con la possibilità di poter vedere le sfumature della natura?
Come faccio a spiegarti cosa significhi perdere un figlio
non essendomi mai scontrata con la morte prematura, non avendo mai avuto figli, o essendo stata fortunata da non perdere fratelli e sorelle giovani?

Leggi tutto...