SITUAZIONE ATTUALE

Durante il mese di Aprile in Israele sono continuate le consultazioni governative per la formazione di un nuovo Governo di unità nazionale. Dopo la decisione del Presidente di non rinnovare l’incarico a Benny Gantz, Rivlin ha deciso di concedere ancora 21 giorni (che si concluderanno i primi giorni di Maggio) per permettere ai due leader, Benjamin Netanyahu del Likud e Gantz di Blu e Bianco, di trovare un accordo, prima di indire nuove elezioni, le quarte in poco più di un anno.
Connesso alle elezioni, in Israele si è continuato a discutere del piano di annessione della Valle del Giordano che Netanyahu ha portato avanti durante la campagna elettorale: una porzione importante di quella che secondo gli Accordi di Oslo viene definita Area C (ossia un’area della Cisgiordania sotto controllo civile e militare israeliano), la Valle del Giordano, diventerebbe parte dello Stato di Israele.

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

A marzo in Israele si è tornato a votare per la terza volta in un anno, nel tentativo di formare un Governo e di rinnovare i 120 posti della Knesset, il Parlamento israeliano. Dopo le seconde elezioni, avvenute lo scorso Novembre, in cui Netanyahu ha ottenuto la maggioranza dei voti ma senza raggiungere i 61 posti richiesti dalla legge israeliana per governare, vi è stato il tentativo di formare un Governo di Unità Nazionale, non accettato da Benny Gantz (ex Capo di Stato Maggiore delle Forze Armate) per l’appoggio da parte dell’Estrema Destra alla coalizione di Netanyahu. Il risultato di questa terza tornata elettorale è stato però simile, con una maggioranza guadagnata dal partito Blu e Bianco guidato da Benny Gantz, senza che quest’ultimo abbia ottenuto i numeri per la formazione di un Governo con la propria coalizione.

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

In tutta la Cisgiordania i palestinesi hanno continuato a protestare contro l’"Accordo del secolo", rendendo chiaro al mondo che la proposta avanzata dall'amministrazione Trump non è affatto un accordo, ma piuttosto un piano per consentire a Israele di annettere legalmente grandi quantità di terra appartenenti alla Palestina, compresa la valle del Giordano. Le forze armate israeliane hanno risposto alle proteste con l’uso di armi, bombe sonore e gas lacrimogeni: numerosi i feriti e anche alcune vittime tra i palestinesi.
Anche al di fuori della Palestina, in Europa e negli Stati Uniti, numerosi attivisti hanno manifestato contro la proposta USA.
Dopo molti rinvii l'Ufficio delle Nazioni Unite per i Diritti Umani ha pubblicato un elenco, che è stato a lungo atteso dal movimento BDS, di 112 aziende che fanno affari con gli insediamenti israeliani in Cisgiordania che, assieme agli avamposti, rimangono illegali ai sensi del Diritto Internazionale.  

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

Il 4 gennaio un attacco in Iraq, ordinato dal Presidente americano Donald Trump, ha causato l’uccisione di uno degli uomini più potenti del Golfo, Qassem Soleimani, comandante delle milizie speciali al-Quds (forze armate iraniane). La morte di Soleimani segna l'inizio di fortissime tensioni in Medio Oriente, ora si teme che l'Iran per rappresaglia possa attaccare Israele.
Dall’inizio dell’anno, l’esercito israeliano ha continuato la politica di arresti contro il popolo palestinese, fermando almeno 200 persone, di cui 21 bambini e 7 ragazze, una incinta. Oltre agli arresti, si è verificata anche l’uccisione di giovani palestinesi che si erano infiltrati nella barriera di confine, nella Striscia di Gaza centrale.
Infine, sono circa 150 le persone sfollate in Area C e Gerusalemme Est e, in alcuni casi, le Autorità israeliane hanno persino costretto le famiglie a demolire le proprie case.

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

Il mese di dicembre è stato caratterizzato da un’importante notizia che accende una flebile speranza per Gaza e i territori occupati palestinesi: la corte penale internazionale, nella figura della procuratrice Fatou Bensouda, ha annunciato l’apertura di un’inchiesta per i crimini di guerra commessi in Palestina.
Ma se dall’alto sembra muoversi qualcosa, dal basso invece la situazione è sempre la stessa.
Nella zona di Tulkarm, in Cisgiordania, le forze israeliane hanno fatto fuoco ferendo gravemente 6 palestinesi e hanno aggredito altre 2 persone che tentavano di valicare la barriera per poter raggiungere il posto di lavoro.

Leggi tutto...