SITUAZIONE ATTUALE

Durante il mese di Luglio si è particolarmente riaccesa la tensione in quel lembo di terra conteso tra Palestina e Israele.  
Il 14 luglio due civili arabo israeliani hanno compiuto un attentato a Gerusalemme, uccidendo due poliziotti.
Conseguentemente lo Stato di Israele ha inasprito i controlli agli accessi alla Spianta delle Moschee, installando metal detector agli ingressi. La motivazione, oramai ampiamente usata dallo Stato israeliano, è il rafforzamento della sicurezza dell'area.

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

L'occupazione israeliana non dorme mai, nemmeno durante il mese di Ramadan. Giugno, infatti, ha visto il susseguirsi di sfide che hanno messo a dura prova la tenacia dei palestinesi, che seppur a stomaco vuoto, hanno continuato a mantenere forte il legame con la propria terra. I volontari di Operazione Colomba hanno supportato le azioni nonviolente dei Palestinesi e risposto alle emergenze che si sono verificate nelle colline a sud di Hebron.

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

A maggio, il contesto generale dell'occupazione e dei suoi effetti sulla popolazione palestinese non è certo migliorato: l'evento più significativo è stato lo sciopero della fame dei prigionieri politici palestinesi, promosso da Marwan Barghouti, (condannato a cinque ergastoli), per chiedere condizioni di detenzione meno disumane, in particolare la possibilità di ricevere le visite dai parenti, non solo una volta al mese, e la possibilità di studiare. Sono stati 1500 i palestinesi incarcerati nelle prigioni israeliane ad aderire alla protesta per ben 40 giorni.

Leggi tutto...

Situazione attuale

Aprile dolce dormire… ma le colline a sud di Hebron ben sanno che l’occupazione non dorme mai.
L’espansione dell’avamposto illegale di Avigayil, con una nuova costruzione a ridosso di una valle palestinese, e la testa sanguinante di un ragazzo di At-Tuwani preso a sassate da alcuni coloni, lo ricordano in continuazione.

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

Nel mese di marzo abbiamo dato un benvenuto e un arrivederci all’ufficializzazione del report ONU Israeli Practices towards the Palestinian People and the Question of Apartheid, nel quale era stato condannato il comportamento israeliano a danno dei Palestinesi, chiaramente identificato come regime di apartheid in tutte le sue implicazioni, economiche, razziali e politiche.

Leggi tutto...