Azioni di Pace

 Intervista di Roberta Bertoldi a Operazione Colomba  su Osservatorio Caucaso

Perché Operazione Colomba in Georgia? Quali gli ambiti dei suoi interventi?
La Comunità Papa Giovanni XXIII di cui l'Operazione Colomba è un'emanazione, è in Georgia già da un anno, precisamente a Batumi. Attraverso il lavoro di 4 volontari, cerca di creare una presenza, una casa famiglia per vivere l'aspetto sociale delle problematiche della Georgia. Operazione Colomba è un corpo civile di pace che ha tra i suoi obiettivi la condivisione della vita a fianco delle vittime dei conflitti e quindi dopo il conflitto di agosto stiamo cercando di organizzare la nostra presenza nelle zone colpite. Infine Operazione Colomba ha avuto un'attenzione nei confronti del Caucaso fin dal 2001 quando si è interessata alle conseguenze del conflitto ceceno.

Continua a leggere

Intervista ai volontari di Operazione Colomba in Georgia

Dal sito News ITALIA PRESS:

 Georgia, smantellato ultimo check point russo

Gianpiero Cofano, volontario fermato alla frontiera: Abbiamo fatto un monitoraggio per vedere se cerano i presupposti e la necessità di aprire una nostra presenza nei villaggi coinvolti dal conflitto.

Tbilisi - In lenta ritirata le ultime truppe dell'esercito russo dai check point sparsi nei territori cuscinetto tra la Georgia e le due regioni indipendentiste dell'Abkhazia e Sud Ossezia. Secondo l'accordo siglato dal presidente russo Dmitri Medvedev e dall'europresidente francese Nicolas Sarkozy, il ritiro russo entro i confini abkhazo e sudosseto dovrà essere portato a termine entro il 10 ottobre.

Il portavoce delle forze di pace russe Marat Kulakhmetov avrebbe confermato l'abbandono delle sei postazioni di controllo in Ossezia del Sud, secondo quanto riportato dall'Ansa.

Continua a leggere l'intervista su News ITALIA PRESS

2 volontari italiani bloccati in Abkazia

L’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII è presente in Abkazia con due volontari dell’Operazione Colomba (Corpo Nonviolento di Pace). Sono entrati due giorni fa nella regione separatista per fare una azione di monitoraggio a seguito del conflitto dello scorso Agosto. Quest’oggi i due volontari sono stati bloccati alla frontiera con la Georgia dai militari russi che presiedono il confine.

Leggi tutto...

Emergenza Georgia

COMUNICATO STAMPA

Rimini 14 agosto 2008

“Sembra sia stato definito il piano di pace tra Russia e Georgia, ma non dimentichiamo che la gente pagherà per anni questi pochi giorni di guerra”.
E’ quanto affermano i volontari della Comunità Papa Giovanni XXIII fondata da don Oreste Benzi che si trovano attualmente in Georgia.
“La gente ha paura, di fatto le ostilità, seppure siano ad un livello di bassa intensità, non sono terminate - racconta Gianpiero Cofano, responsabile dell’ente per la Georgia -.
Ieri eravamo a Gori: una città fantasma dove abbiamo incontrato solo posti di blocco. L’unica strada che collega la regione, da est a ovest, attraversa la città. E’ stata interrotta, impedendo di fatto ogni possibilità di comunicazione, anche telefonica. La gente ha paura e si sente abbandonata. Ed i media - continua Cofano - da ambedue le parti stanno portando avanti un’opera di disinformazione e propaganda pericolosa. Le notizie che arrivano spesso sono distorte, noi stessi abbiamo potuto verificarlo, e la situazione ad oggi non è per nulla chiara.”

Leggi tutto...