Non è facile trovarlo nel mio mondo - Oggi ho incontrato Rose

Diari dal Nord Uganda

La semplicità di un giro tondo, di un gioco con le mani, di un ballo, di un canto, di un salto con la corda,... oggi i bambini di Francis mi hanno regalato un respiro di libertà, di serenità, di semplicità, di amore,...
Le mie mani nelle loro; nelle loro mani sporche, scorticate e piccole. Le loro mani che mi trascinavamo in un gioco sconosciuto... e finalmente la voglia di lasciarsi trasportare, di lasciarsi andare. Qui tutti i miei schemi cadono; qui mi scopro incapace, incapace di controllare le mie emozioni, incapace di fare, perché tutto quello che so fare a casa qui non serve a molto, incapace di accettare che il fare a volte diventa ascoltare, quell'ascolto che spesso il mio mondo ci nega, perché non si vuole ascoltare l'altro e più spesso se stessi.

Leggi tutto...

Viaggio in Darfur

 Contesto Storico-Politico del Conflitto

Tra il 2002 e il 2003 gruppi ribelli del Darfur cominciano ad organizzare azioni contro il governo per ottenere maggiore autonomia per la regione. La strategia del Governo in questa fase è quella di dividere il fronte degli oppositori e trasformare così il conflitto in uno scontro interno tra le varie tribù promettendo, alle fazioni arabe dei ribelli, armi, mezzi di trasporto, denaro, terre e posti di potere. Musa Hilal, leader arabo musulmano della tribù dei Masiria, fornisce ai ribelli della sua tribù armi da fuoco provenienti dal quartier generale dell'esercito sudanese. Con tali armi il fondatore del gruppo dei Janjawid (“i disturbatori”) consente l'avvio di una serie di attacchi alle altre tribù, africane musulmane sudanesi, che sfociano in uno scontro aperto tra i vari gruppi.

 

Leggi tutto...

Ker Kwaro Acholi

KER KWARO ACHOLI - WIDER NORTHERN UGANDA PEACE AND RECONCILIATION CONFERENCE
“Embracing the Juba Peace talks”
Santa Monica, GULU – 17-20 dicembre 2007

Nei pomeriggi di martedì 18 e mercoledì 19 dicembre e nella mattinata di giovedì 20, abbiamo partecipato, in qualità di osservatori invitati dal Primo Ministro degli Acoli, alla conferenza, organizzata da David Onen Acana II, dei leader culturali del Nord Uganda, che ha visto la partecipazione di rappresentanti delle  regioni di Acoli, Alur, Bunyoro, Karamoja, Lango, Lugbara, Mahdi e Teso, oltre che di circa una ventina di delegati in rappresentanza delle comunità Lango e Acholi presenti in diversi stati europei e negli Stati Uniti. L'intento esplicito della conferenza è quello di “costruire un consenso su una strategia giuridica di transizione accettabile che incorpori meccanismi di livello locale e suggerisca strategie concrete per l'implementazione degli Accordi di Pace Comprensivi al fine di assicurare una pace sociale della comunità e la sicurezza all'interno del Nord Uganda”.

Leggi tutto...

Attività del 'gruppo giovani' a Minakulu

Tra le attività riprese dopo la pausa di settembre-ottobre l'Operazione Colomba continua nella relazione con il “gruppo giovani” della parrocchia presente nel campo profughi di Minakulu St. Thomas. Questo gruppo formato da circa 20 ragazzi e ragazze dai 17 e 27 anni si ritrova settimanalmente per preparare i canti della messa domenicale e portare avanti piccole iniziative all'interno del campo, come le rappresentazioni teatrali con i bambini.

Leggi tutto...

Incontro LRA e Unione Africana a Ngai

 Dal Nord Uganda

Ngai, giovedì 15 novembre 2007

I membri del gruppo di Operazione Colomba presenti a Minakulu partecipano all'incontro tra la popolazione del campo profughi di Ngai e la delegazione composta da rappresentanti civili e legali del Lord Resistance Army e militari dell'Unione Africana. Arriviamo sul luogo dell'incontro, un prato davanti alla sede del locale LC3, alle 15, circa un'ora prima dell'orario previsto per l'arrivo della delegazione. L'ombra del grande albero è già piena di gente in piedi e, più avanti, seduta, chi a terra, chi nella platea di panche disposte a semicerchio di fronte ai due tavoli addobbati con microfoni e bottiglie d'acqua e coca cola. Però è solo un albero, ragioniamo, non più di qualche centinaio di persone, quando il campo ne ospita migliaia...
Arriviamo accompagnati da Padre Carlos, e con lui siamo presentati alle autorità locali che hanno organizzato l'evento, ennesima tappa del tour che sta portando i membri della delegazione in giro per il Nord Uganda. In attesa dell'inizio del meeting vero e proprio, le figure che ci avevano accolti aprono una sorta di incontro con la popolazione, un incontro essenzialmente finalizzato, è questa la sensazione che percepiamo, alla preparazione del pubblico, tanto nei confronti dei contenuti che i rappresentanti dell'LRA andranno a toccare (o a glissare), quanto al momento di feedback previsto per la seconda parte dell'evento in modo da evitare reazioni o interventi “sconvenienti”. E' una prima occasione per sondare gli umori, e i tre interventi della gente sono, da questo punto di vista, semplici e illuminanti: un anziano, un ragazzo e una donna ben oltre la mezz'età.

Leggi tutto...