Da "Shekull" del 19.02.2014

Asilo per i Paesi dell'area Schengen, in manette il capo della Missione della riconciliazione
Sono stati emessi documenti falsi per ottenere l'asilo. Due casi concreti in Belgio e in Canada.

Durazzo
Continua a rilasciare documentazione recante timbro e firma relativa alle vendette di sangue a persone che ne hanno il diritto, mentre la polizia e la procura hanno posto sotto accusa e arresto non solo i responsabili della redazione dei documenti, ma anche i beneficiari.

Leggi tutto...

Da “Shekulli” del 3.2.2014

Dopo che il Procuratore generale Adriatik Llalla aveva richiesto l'individuazione di misure per il contrasto e la lotta contro il fenomeno della gjakmarrjes (vendette di sangue), il Direttore della Procura di Scutari ha disposto l'implementazione di azioni concrete in questa direzione. In quest'ordinanza, che entrerà in vigore lunedì (3.2.14), il capo Procuratore di Scutari, Besnik Cani ordina innanzitutto ai Procuratori e ufficiali della polizia giudiziaria  l'identificazione di ogni caso di persone o di famiglie ngujuar ("inchiodati", in autoreclusione) di cui si ha notizia nella circoscrizione di Scutari.

Leggi tutto...

Albania
L'avvocato del Popolo chiede al Presidente la convocazione del Consiglio di Coordinamento contro le Vendette di Sangue

Il 31 ottobre 2013 l'Avvocato del Popolo, Igli Totoshani, ha inviato al presidente Repubblica Albanese Nishani una lettera inerente il fenomeno della gjakmarrje.
L'organo dell'Avvocato del Popolo chiede la convocazione del consiglio di coordinamento per la lotta contro la gjakmarrje che sarebbe previsto da una legge del 2005.

Leggi tutto...

Albania

Il procuratore generale di Tirana (al quale Operazione Colomba ha consegnato tutto il materiale frutto della campagna “5000 firma per Jeten”) ad indire un incontro con il sindaco di Scutari, l'Avvocato del Popolo, il parroco cattolico della Cattedrale di Scutari e l'Ambasciatore inglese per risolvere il problema della vendetta riaprendo anche alcuni casi.

Leggi tutto...

Albania
Rapporto del Parlamento Europeo: richiama l'impegno delle istituzioni locali affinchè rispondano alle raccomandazioni fatte dall'ONU sulla Gjakmarrja

Il 9 dicembre è stata pubblicata la risoluzione del parlamento europeo sul Rapporto dei progressi dell'Albania nell'arco dell'anno 2013. La risoluzione, al punto 19, menziona i casi di Gjakmarrja. Il Parlamento Europeo esprime, infatti, la sua preoccupazione per la persistenza e l'aumento del fenomeno delle vendetta di sangue, per le condizioni di migliaia di bambini rinchiusi.

Leggi tutto...