Poiché la vita in questo scorcio d'Albania si basa sull'onore, mi chiedo: ma cos'è l'onore?
Secondo il dizionario: "La considerazione sul piano morale e sociale di un individuo o di una comunità."
Questa parola giustifica qualsiasi atto, anche il più crudele.
Il diritto alla vita, sacro per i Paesi occidentali, in questo luogo viene dopo l'onore.
In nome di questo “prestigio sociale” vengono uccise persone, spezzate vite, si semina sofferenza e si distribuisce odio.
Si innesca una catena infinita, un circolo vizioso che costringe intere famiglie a isolarsi, chiudersi in casa, per generazioni.
Da quando mi trovo in Albania, ogni giorno mi imbatto in persone che sono carnefici e vittime di una tradizione difficile da estirpare.
Negli occhi delle vittime leggo desolazione, rassegnazione, paura e attesa.

Leggi tutto...

Spesso mi capita di chiedermi il senso dello stare qui, il perché di questo lavoro.
Perché andiamo a visitare le famiglie? Alcune volte sembra inutile, sembra che si sia fermi in un limbo, che nulla mai cambierà.
Mi sembra ci sia solo fumo qui, a volte.
E mi domando se sia giusto, dopotutto, venire qui a ficcare il naso negli affari altrui.
Che autorità ho io per farlo?
Non ho morti in famiglia, io.
Non ho mai dovuto perdonare nessuno, io.
E poi, ecco.
Prima di mettermi a letto, per caso, scorgo un lembo di una foto. La prendo, la osservo. C’è Arben sorridente in mezzo a tre volontarie.
E capisco.

Leggi tutto...

Una volta al mese, per almeno una settimana, l'attività dei volontari di #OperazioneColomba si trasferisce da Scutari alla regione montagnosa di Tropoja.

Leggi tutto...

Il 10 dicembre, Giornata mondiale dei Diritti Umani, siamo tornati a manifestare in centro a Scutari.
Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti e, per alcuni di noi, questo è scontato come guardare un cielo stellato. Al contrario, per chi è vittima delle vendette di sangue, “normalità” è vedere quotidianamente violati i propri diritti fondamentali.

Prodotto dall'Ufficio per i Rifugiati e gli Apolidi in Belgio

La Commissione Federale che riceve e decide delle richieste d’asilo politico in Belgio ha incontrato a marzo i volontari di Operazione Colomba a Scutari, in Albania. Negli ultimi anni, molti albanesi hanno, infatti, fatto richiesta di asilo in Belgio a causa del loro coinvolgimento nel problema delle vendette di sangue. Alcuni membri della Commissione hanno, quindi, preso parte ad una missione di accertamento dei fatti in Albania a marzo di quest’anno. Lo scopo della missione è stato quello di raccogliere informazioni relative al fenomeno delle vendette di sangue per approfondirne la comprensione.

Leggi tutto...