SITUAZIONE ATTUALE

Il mese di giugno è stato segnato da due eventi riconducibili alla vendetta di sangue.
All’inizio del mese è stato arrestato un uomo accusato di aver compiuto un attentato con il tritolo a danno di un concittadino, nel luglio scorso. Dalle indagini è emerso che voleva vendicarsi per un attentato subito nel 1997, in cui era rimasto ferito, e che aveva causato la morte di altri due uomini. Verso la metà del mese di giugno un uomo è stato ucciso a Scutari, nei pressi della sua autofficina. Si sospetta che l’omicidio sia stato organizzato su commissione e che le cause risalgano a un conflitto precedente nel quale sono coinvolti alcuni membri del clan familiare della vittima.

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

Nel mese di maggio, oltre ad alcuni omicidi legati a futili motivi o a possibili conflitti di proprietà, è accaduto un grave caso che riguarda il livello di discriminazione delle minoranze etniche nel Paese e il basso grado di fiducia della cittadinanza nei confronti della giustizia statale. Un ragazzo di etnia rom è morto a Korça, nel Commissariato di Polizia, durante la detenzione in custodia cautelare. La polizia dichiara sia deceduto per cause naturali, mentre la famiglia della vittima accusa le forze di polizia della sua morte, a causa della sua appartenenza etnica. La famiglia ha dichiarato pubblicamente che, se non sarà fatta giustizia da parte dello Stato, ricorrerà a forme di giustizia privata.

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

Il mese di aprile si è purtroppo aperto con un omicidio avvenuto nella periferia di Scutari, in seguito ad una rissa scaturita per futili motivi fra due amici al bar. A metà mese un ragazzo di 28 anni è stato ucciso nel centro di Tirana in pieno giorno, per vendicare un omicidio compiuto dal padre nel 2000. Il caso ha scosso l’opinione pubblica albanese. Operazione Colomba ritiene particolarmente grave questo caso, poiché la vittima chiese asilo in Svezia nel 2014, ma gli fu negato in quanto lo Stato albanese aveva dichiarato di offrire protezione alle persone in pericolo di vita per motivi legati alla vendetta di sangue. Pertanto, i volontari hanno diramato un Comunicato Stampa per sollecitare la reale protezione delle vittime di questa pratica da parte delle Istituzioni. A fine mese, durante una rapina, due ragazzi hanno ucciso un uomo e ferito gravemente la moglie. I famigliari della vittima hanno dichiarato che, se non ci sarà giustizia statale, si faranno giustizia da soli. A causa di queste dichiarazioni, la famiglia di uno dei colpevoli ha affermato di essersi autoreclusa nella propria abitazione per paura di subire ritorsioni.

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

La facilità con cui in Albania si ricorre alle armi per i motivi più futili ha portato alla morte, a Durazzo, di un ragazzo di 16 anni, reo di aver detto al suo assassino, solo di un anno più grande, “Perché mi guardi?”. In seguito al fatto, la polizia ha sorvegliato per alcuni giorni la casa del diciassettenne, per evitare la vendetta da parte della famiglia della vittima.
Nella regione di Valona, una disputa per la proprietà di un corso d’acqua si è trasformata in orrore. Un uomo, assieme al figlio di 7 anni, è stato aggredito dai cani del suo vicino, nonché cugino, e, in risposta, ha tirato dei sassi per difendersi. Il vicino è allora uscito di casa e ha sparato al cugino, finendolo poi a colpi d’ascia.

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

Il mese di febbraio si è aperto con una rissa fra i membri di due famiglie di Dibër che sono in conflitto da molti anni. La rissa è scaturita per motivi di proprietà. I due feriti hanno dichiarato di non voler sporgere denuncia perché temono per l’incolumità dei loro figli minorenni.
Ancora una volta Operazione Colomba può constatare come la mancanza di fiducia nelle Istituzioni porti le persone a preferire forme di giustizia privata.
Un interessante editoriale riporta che, secondo il Rapporto sulla criminalità organizzata pubblicato dal Ministero dell’Interno italiano, le organizzazioni criminali albanesi basano il proprio operato sui legami familiari, esportando i principi del Kanun anche all’estero.
Uno dei casi citati nell’articolo è l’omicidio di due fratelli avvenuto a novembre 2016 in provincia di Milano. Durante le indagini, le forze dell’ordine hanno evidenziato come questo duplice omicidio, ed altri conflitti avvenuti in territorio italiano, siano legati alla vendetta prevista dal Kanun.

Leggi tutto...