Situazione attuale
Ancora un inizio doloroso quello del mese di dicembre, per l’ennesima uccisione di un difensore ambientale, Javier Francisco Parra nel dipartimento del Meta e di Gildon Solis nel Cauca, leader sociale minacciato da settimane affinché lasciasse il territorio e le sue attività. E poi ancora una vittima nel Pavarandò dove, oltre la presenza delle AGC, la guerriglia dell’ELN ha annunciato di voler riprendersi il territorio. Una terra, quella colombiana, che pare distante dal vedere la pace come base concreta su cui costruire il futuro.
Padre Giacinto Franzoi, per 30 anni missionario della Consolata nel Caquetà, commenta al Sir che dopo gli Accordi di Pace tra il governo colombiano e la guerriglia delle FARC, “gli sforzi fatti negli oltre 4 anni di dialoghi sembrano ora scritti sulla sabbia...”. Il curato afferma che, nonostante molte persone abbiano creduto e lavorato per la pace e per il cambiamento, purtroppo quello che “ha prevalso è il vento della vendetta, l’azione di forze occulte politiche ed economiche, l’incapacità di perdonare e riconciliarsi per un progetto comune”. Sono ancora tante le persone che aspettano giustizia.
Questa visione è condivisa anche da Padre Francisco de Roux, Presidente della Commissione della Verità, il quale sostiene che esistano vari interessi politici ad impedire che l’Accordo prosperi e si implementi.
A metà dicembre l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, Michelle Bachelet, ha condannato, attraverso un documento rivolto al governo colombiano, l’incremento della violenza esercitata da parte dei gruppi armati non statali e di gruppi criminali contro contadini, indigeni e afrodiscendenti, chiedendo un aumento della protezione della popolazione civile.

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

Si è tenuta dal 17 al 28 novembre la dodicesima edizione del Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli che è stata dedicata a Mario Paciolla, il cooperante napoletano che lavorava per le Nazioni Unite in Colombia, morto lo scorso 15 luglio in circostanze ancora da chiarire.
Il Festival, aperto da Gianni Tognoni, segretario del Tribunale Permanene dei Popoli che fa capo alla Fondazione Leslie e Lelio Basso, ha avuto come titolo "Diritti in Ginocchio- Pandemia, Sovranismi e Nuove disciminazioni" e la dedica a Mario è stata un forte segno per richiamare l'attenzione affinchè si segua nella ricerca della verità e della giustizia per questo nostro giovane connazionale il cui caso, confermano le stesse autorità italiane, è ancora aperto e le indagini al vaglio degli inquirenti.
In Colombia anche questo mese non sono mancate le manifestazioni di protesta per il susseguirsi di violazioni dei Diritti Umani nei confronti di una popolazione civile sempre più oppressa dalla presenza di diversi gruppi armati illegali.

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

“Mario Paciolla rappresenta come pochi tutte quelle persone meravigliose con cui sentiamo un certo tipo di connessione che viene dal cuore e dalla vita stessa, quel tipo di persone che non credono nella nazionalità italiana, colombiana, francese, ecuadoriana o qualunque essa sia, ma credono che la vita debba essere costruita prendendoci cura gli uni degli altri, riconoscendoci, essendo critici e autocritici e costruendo alternative concrete di fronte a ciò che sta accadendo”.
E’ con queste parole che Manuel Rozental, attivista dell’organizzazione Pueblos en Camino in Colombia, descrive Mario Paciolla durante un’ intervista al Manifesto.
La vicenda di Mario, le cui circostanze della morte, avvenuta lo scorso 15 luglio a San Vicente del Caguán, rimangono ancora tutte da chiarire, sono riemerse con forza in queste ultime settimane, come si legge nell’articolo del Sir, dopo che, in un dibattito in Senato, il senatore Barreras “ha chiesto al ministro della Difesa Holmes Trujillo se il nome di Paciolla fosse indicato in un rapporto dei servizi militari come informatore, visto che aveva intervistato le mamme di 8 bambini e adolescenti morti in un bombardamento dell’esercito contro la dissidenza delle Farc...”.

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

Proseguono le indagini sulla morte di Mario Paciolla, collaboratore della Missione di verifica delle Nazioni Unite in Colombia, rinvenuto senza vita lo scorso 15 luglio a San Vicente del Caguán in circostanze ancora da chiarire. La testata nazionale colombiana El Especator ha riportato la notizia della decisione della Procura di Roma di aprire un’indagine per omicidio, abbandonando quindi la prima ipotesi di suicidio, alla ricerca della verità di ciò che è accaduto al giovane napoletano. Anche la vice Ministra italiana per gli Affari Esteri e della Cooperazione, Marina Sereni, ha dichiarato che le Nazioni Unite devono collaborare per arrivare alla verità, in quanto l’accaduto presenta “fatti non comprensibili” ed è “molto difficile credere alla versione del suicidio”.
Un bellissimo ricordo ed un racconto vivo su chi era Mario lo ha lasciato l’inviato del Tg3 Rai, Valerio Cataldi, in un articolo che descrive la professionalità e la passione di Mario nel suo lavoro di cooperante in Colombia.
Nel frattempo non si è fermata nel Paese sudamericano la scia di violenza, non solo contro leader sociali e difensori/e dei Diritti Umani; sono infatti balzate alla cronaca le terribili immagini degli scontri tra la polizia e le forze speciali dell’Esmad, ai danni della popolazione civile che stava manifestando pacificamente contro la brutalità con cui alcuni agenti della forza pubblica hanno causato la morte di un avvocato di 46 anni, Javier Ordóñez, lo scorso 9 settembre.

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

A distanza di più di un mese dalla scomparsa di Mario Paciolla, impegnato con la Missione di Verifica delle Nazioni Unite a San Vicente del Caguán, si fanno sempre più inquietanti le notizie ed i particolari sulla sua morte, tanto che la Procura di Roma ha chiesto una seconda autopsia affidata allo stesso medico legale che ha seguito i casi di Cucchi e Regeni. Sembrano molte le domande e le responsabilità a carico di alcuni funzionari delle Nazioni Unite come rivelato da una inchiesta di Repubblica, mentre continua da parte della società civile la richiesta che sia fatta giustizia e verità sulla morte del giovane napoletano.
Nel mese di agosto è proseguita in Colombia la scia impressionante di violenza che ha lasciato sconvolta la società colombiana e la comunità internazionale. Tre massacri che hanno visto come vittime 8 giovani studenti tra cui alcuni universitari di età compresa dai 17 ai 26 anni a Samaniego, nel sud-est del Paese, per mano di gruppi neo-paramilitari; 5 minori tra i 13 e i 17 anni uccisi a Llano Verde a Cali per aver preso senza permesso della canna da zucchero; a questi si aggiungono 6 persone uccise nel El Tambo nella regione del Cauca ad opera della nuova Marquetalia, il gruppo armato ricostituitosi tra i dissidenti delle FARC.

Leggi tutto...