Abbiamo conosciuto Mussab in una giornata lunga e travagliata, in un reparto ospedaliero situato in uno dei quartieri più poveri e marginalizzati della città di Tripoli, governatorato del nord Libano.
C’è voluto del tempo, molti sforzi e infinito impegno, ma grazie a una rete di solidarietà, composta da decine di persone e organizzazioni, a Mussab è stata data la possibilità di venire a curare in Italia, a Genova, il male che lo stava opprimendo.
È l’inizio di una storia di coraggio, desiderio e cambiamento, di cui alleghiamo qui sotto un altro capitolo.


Oggi Muss, come lo chiamiamo noi, ha discusso il suo elaborato concludendo il suo percorso alla Scuola Secondaria di Primo Grado.
E’ stato un colloquio pensato per lui… e lui ci ha messo intelligenza e cuore!
E noi alla fine, commossi, non riuscivamo neppure a parlargli e a salutarlo.

Leggi tutto...

Una proposta di pace nata dai profughi siriani in Libano

Mercoledì 15 luglio 2020 si terrà a Padova il seminario dal titolo: Un’alternativa alla guerra, al terrore, al morire in silenzio. Una proposta di pace nata dai profughi siriani in Libano.

A quasi 10 anni dall'inizio della guerra in Siria, vediamo ancora in corso combattimenti, torture, stragi e milioni di profughi fuori dal paese, molti in condizioni inumane. Pochi quelli che sono riusciti a raggiungere l'Europa, mentre la maggior parte non ha ancora trovato un rifugio sicuro: emblematica è la situazione dei profughi siriani in Libano, che approfondiremo durante il seminario. Nonostante in occidente si stia diffondendo la errata convinzione che la guerra sia finita, in Siria continuano a non sussistere le minime condizioni di sicurezza per il rientro dei profughi. Milioni di persone vivono in un contesto che non è mai stato così drammatico.

Leggi tutto...

Febbraio 2020

Nel pomeriggio siamo andati a trovare A..
Aspettiamo che l'UNHCR ci dica quale ospedale è disposto a prenderlo in carico, nel frattempo lui sta male.
Questa settimana siamo impazziti a contattare medici e ospedali della zona, alla fine l'hanno preso e poi dimesso il giorno dopo senza averlo nemmeno visitato.
Siamo stati a casa loro il pomeriggio, a bere té caldo e chiacchierare.
Sono belli.
Hanno un modo molto delicato di porsi, sono tanto gentili.
E mi sembrano così puri, questo modo di raccontare la storia della loro vita e quello che passano ora, in maniera ferma e consapevole, ma non carica di odio.

Leggi tutto...

Febbraio 2020

Ieri sera, mentre andavo in bagno per lavarmi i denti prima di andare a dormire, mi sono affacciata sulle pareti delle tende del campo profughi di fronte.
È stato come se una parte della mia razionalità si fosse svegliata di botto: questo non è giusto. Come vive qui la gente non è giusto; le tende, le alluvioni, l'insicurezza, niente è giusto.
Qui la quotidianità mi abbraccia, il senso di umanità mi fa stare bene e spesso questo non mi aiuta a ricordarmi che ciò che i siriani vivono in Libano è un'ingiustizia enorme.
Io che ho la possibilità di vederla devo riconoscerla sempre e tenerlo in mente.
A volte la realtà di qui mi arriva addosso violentemente e non sempre mi trovo preparata, a volte le storie mi colpiscono e non so, sono stanca di chiedermi perchè sia così.

Leggi tutto...

In Piazza Martiri della libertà, la piazza più famosa di Beirut, hanno costruito delle tende.
Al centro della piazza dei giovani chiacchierano bevendo tè e fumando narghilé.
Vicino a loro, delle famiglie giocano con i bambini, un ragazzo con il suo mp3 collegato alla cassa diffonde la musica in tutta la piazza.
Attorno ci sono scritte, striscioni, murales.
Il messaggio è semplice e chiaro: il Libano ai libanesi.
«Questa rivoluzione ha come fine la riappropriazione degli spazi» ci racconta un manifestante.
«Beirut è una città così grande e varia eppure non dà molte possibilità di incontro, è composta da tanti quartieri e gruppi sociali che tra loro non comunicano molto. Noi invece sentiamo il bisogno di parlarci e di confrontarci, di riunirci, per questo siamo qui, in uno spazio che crediamo ci appartenga».

Leggi tutto...