Diario dal Libano - Giorno 6


GIORNO 6


Ciao a tutti,
Oggi per la prima volta siamo stati in un campo profughi siriano. Ma voglio partire da ieri, dal nostro arrivo a Tripoli. Appena scesi dal bus, una signora si avvicina. Ci chiede, in italiano, se abbiamo bisogno di aiuto, e si offre di accompagnarci dove dobbiamo andare. E' libanese ma ha studiato in Italia.

Leggi tutto...

Diario dal Libano - Giorno 3

GIORNO 3

Ciao a tutti,

qui si continua a girare e incontrare persone. Beirut mi sembra una città faticosa, araba ma ammiccante all'occidente, irrimediabilmente ferita col suo centro completamente ricostruito che i libanesi non riconoscono più, un grande cantiere per investitori stranieri più o meno onesti.

Leggi tutto...

Diario dal Libano - Giorno 1


GIORNO 1


Ciao a tutti,
Siamo a Beirut. Il viaggio è andato bene. Ci ha accolto la festa dell'indipendenza, o della polizia, non si è ben capito... in realtà all'inizio abbiamo trovato solo strade deserte e chiuse dall'esercito per il passaggio di esponenti del Governo.

Leggi tutto...

C'è un richiamo all'essenziale

Italia/Libano

C'è un richiamo all'essenziale.
Lo si vede nello stupore di quelli a cui raccontiamo la Colomba, quelli che condividono l'orizzonte dell'infinito che sta nei nostri occhi. Lo si ascolta nelle parole di un uomo e una donna che hanno voglia di raccontarti di una famiglia divisa, del sogno di tornare in una casa con un frutteto intorno che ora non c'è più, di mostrarti le cicatrici di schegge sul corpo della loro bimba di quattro anni, di una Siria più rispettosa.

Leggi tutto...

...o si preoccupano, o si commuovono.

Italia/Libano

Siamo qui da quattro giorni ma tra tutte le voci, i racconti, le informazioni raccolte il tempo sembra non esistere più.
Beirut è una grande città che porta sulle spalle tanti anni di guerre mondiali, civili, occupazione... ma non ve ne è quasi più traccia, gli unici segni rimasti sono quelli di mitraglia che bucherellano ogni vecchio palazzo, il resto è tutto ricostruito e luccicante.

Leggi tutto...