SITUAZIONE ATTUALE

Situazione in Siria e Libano

Sono continuati i bombardamenti russi che hanno ridato fiato e forza al governo di Damasco in vista dei negoziati futuri e creato nuove ondate di profughi da Aleppo verso la Turchia.
La Turchia da parte sua ha continuato a bombardare le postazioni curde in Siria e l'Arabia Saudita si è detta pronta ad intervenire con truppe di terra per fermare l'Isis.

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

Situazione in Siria

Nel mese di Gennaio sono venute all'attenzione della comunità internazionale alcune situazioni drammatiche di assedio, che in realtà fanno parte della quotidianità vissuta da centinaia di migliaia di siriani ostaggio dell'esercito del regime e dei gruppi fondamentalisti vicini allo Stato Islamico. La pratica del portare le città considerate ostili alla resa per fame viene denunciata da tempo da parte delle principali organizzazioni per i diritti umani come Amnesty International e l'Osservatorio siriano per i diritti umani.

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

Sul versante della guerra in Siria è impressionante come siano sempre più i Paesi che bombardano e come incidenti come quello tra Russia e Turchia rendano evidente la cattiva coscienza dei Paesi che dovrebbero risolvere la guerra, dopo averla favorita a lungo.
Nei primi giorni di dicembre si sono aggiunti i bombardamenti di Inghilterra e Germania e il rifiuto dell'Italia di prenderne parte.

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

In Siria la guerra è lontana dalla conclusione. La discesa in campo della Russia ha cambiato lo scenario e sembra difficile pensare ad un periodo di transizione escludendo la figura di Assad. L'abbattimento del jet russo da parte della Turchia ha reso evidente le diverse motivazioni dei Paesi che si contendono la Siria dicendo di voler combattere l'ISIS.

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

In Siria la guerra è ormai diventata mondiale.
Nei cieli della Siria volano, con carichi mortali, aerei di 16 diverse nazioni , con l'intervento della Russia , si contano più di 600 morti, più di 200 civili, di cui un quarto, 50, bambini.

Leggi tutto...