SITUAZIONE ATTUALE

La situazione in Siria continua, se possibile, a peggiorare.
L'ingresso in guerra, con ulteriori bombardamenti, di Francia e Russia fa salire a 16 le nazionalità dei vari aerei che affollano il cielo siriano per portare bombe a una popolazione stremata e che continua a fuggire. La guerra, come sostiene una amica siriana, non c'entra quasi più nulla con la Siria, che ora è venduta a russi, iraniani, sauditi, turchi...

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

In Siria la guerra è arrivata fino a Damasco; il regime infatti ha iniziato a bombardare i sobborghi della capitale per contrastare l'avanzata di gruppi di opposizione.  Anche nel resto del Paese il conflitto non accenna a fermarsi, e la guerra procede con un equilibrio di forze che non fa pensare ad una rapida risoluzione.

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

> Siria:
In Siria sempre più attori internazionali sono coinvolti in un conflitto di cui non si vede la fine. Da qualche giorno anche la Turchia ha dato le sue basi militari sul confine con la Siria come appoggio ai bombardamenti dell'aviazione americana, entrando ufficialmente nel conflitto. Questo in risposta a una strage rivendicata dall'ISIS in un villaggio turco, vicino al confine siriano. Secondo l'ONU nel mese di luglio il numero di profughi siriani ha toccato i 4 milioni, accolti soprattutto da Libano, Turchia e Giordania.

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

> Siria:
In occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato l'UNHCR ha reso noto il rapporto sui numeri di rifugiati del mondo nell'ultimo anno: le migrazioni dovute alle guerre hanno raggiunto dimensioni mai toccate fin'ora, e i siriani sono la popolazione che conta il maggior numero di profughi. Questo è stato l'incremento più alto in un solo anno, e la metà dei profughi nel mondo sono bambini.

Leggi tutto...

SITUAZIONE ATTUALE

> Siria
:
Continua senza miglioramenti la guerra in Siria, tra le buone notizie mettiamo che il  5 maggio sono ricominciati a Ginevra, in Svizzera, i negoziati mediati dalle Nazioni Unite, fermi dall’inizio del 2014 per il rifiuto del governo siriano a discutere alcune proposte dei ribelli. A capo della delegazione dell’ONU c’è l’inviato speciale italo-svedese Staffan de Mistura, già sottosegretario agli Esteri del governo Monti.

Leggi tutto...