Avete presente i grandi magazzini di Amazon con tutti i pacchi ammassati in attesa di essere distribuiti? Il campo profughi di Mavrovouni (Moria 2.0) a Lesbo, in Grecia, è così.
E’ “il magazzino delle anime” stipate in uno spazio minuscolo nell’indifferenza di tutti. Nell’attesa di poter viaggiare, di raggiungere la loro destinazione proprio come i pacchi in attesa di essere distribuiti. Con un’unica differenza: i pacchi sono liberi di muoversi mentre le anime no, sono bloccate nel magazzino per via delle nostre scelte. E passano ammassate un tempo indefinito, che sanno quando inizia ma non sanno quando finirà…
E nel frattempo gli anni passano e le speranze muoiono. La speranza è il fondamento del nostro pensiero, è il desiderio di una vita felice che ci spinge ad esplorare nuove strade per raggiungerla.

Leggi tutto...

Οἱ μὲν ἰππήων στρότον οἰ δὲ πέσδων
οἰ δὲ νάων φαῖσ' ἐπ[ὶ] γᾶν μέλαι[ν]αν
ἔ]μμεναι κάλλιστον, ἔγω δὲ κῆν' ὄτ

τω τις ἔραται.


C'è chi dice sia un esercito di cavalieri,
c'è chi dice sia un esercito di fanti,
c'è chi dice sia una flotta di navi sulla nera terra
la cosa più bella, io invece dico
che è ciò che si ama.
 
(Saffo – Trad. A. D’Andria)

 

LA FINE DEL MIO SOGNO EUROPEO

Giorno 1 – Partenza

Non avevo mai visto Malpensa così spettrale e deserta, interi settori dell'aeroporto sono chiusi con l'ingresso sbarrato. Alla partenza siamo pochi, tutti muniti di documenti sanitari, dichiarazioni per il Governo greco, autocertificazioni per le autorità italiane, e mascherine: una trentina di greci che tornano a casa, qualche studentessa con gli occhiali alla moda, un hipster con l'aria da fotografo freelance, un paio di imprenditori, immancabilmente veneti. Aleggia ovunque profumo di igienizzante.
In volo basta un pacchettino di biscotti Papadopoulou e si è già in Grecia. Dal mio posto finestrino scorgo le isolette della Croazia illuminate dal sole, in un cielo di nuvolette pannose.

Leggi tutto...

2 dicembre, Mitilene (Lesbo)
Stamattina è arrivata la notizia di un naufragio nella zona di Palios, una barca con 32 persone a bordo provenienti dalla Somalia si è ribaltata.
Ci sono in corso le operazioni di recupero della Guardia Costiera, pare che in 30 siano stati salvati, mentre due corpi sono ancora dispersi.
A sera, è stato ritrovato il corpo di una giovane donna somala, l’altro ancora no.
Stasera sono andata a passeggiare sul lungomare di Mitilini, c’è un po’ di vento e ho bisogno di silenzio, le storie che arrivano dal campo profughi di Kara Tepe e le continue violenze che i richiedenti asilo subiscono qui sono forti e faccio fatica a digerirle.
Ho in testa il corpo della donna somala, ritrovato senza vita, morta mentre cercava di attraversare questo pezzo di mare dalla Turchia all’Europa.

Leggi tutto...