“Gli occhi che piangono di più sono anche quelli che vedono meglio…” (Victor Hugo)

Per il mondo cattolico, ottobre è il mese “missionario”, dedicato a chi, religioso o laico, donna o uomo e di ogni età, dona la propria vita per compiere un mandato in qualsiasi parte del mondo, ma spesso fuori dalla Patria di origine.
Mi piace però pensare alla parola “missione” in una prospettiva ancora più ampia, dove non esistono luoghi o spazi o competenze precise per svolgerla, ma, semplicemente, si faccia missione laddove c’è una sfida, dove alberga un’ingiustizia, dove venga violato un diritto.
Così ognuno di noi troverebbe la sua missione molto facilmente e ciò di cui avrebbe bisogno non sarebbe un abito, una professione o una abilità specifica, ma solo tanto coraggio e coerenza.
Sarebbe troppo pensare che, così facendo, cambieremmo il mondo?
Credo di no, perché significherebbe che tutti, ma proprio tutti, almeno una missione di giustizia la potremmo compiere nella nostra vita.
E ancora di più mi piace pensare e sperare che, anche fin da bambini, si possa essere protagonisti di un cambio di rotta che faccia approdare l’umanità verso l’accoglienza e la tenerezza.

Leggi tutto...

Don Joaquin si muove per il villaggio con fatica,
appoggiato a un bastone ,
un passo alla volta,
come se ogni movimento gli costasse uno sforzo,

ha il viso e i capelli ingrigiti di chi ha visto passare molte cose,
sia belle che brutte,
come può esserlo l’esistenza.

Quando parla ti fissa con lo sguardo,
pesando le parole,
osservando se lo stai ascoltando realmente.

“Me entiendes?”
“Mi capisci?”

Leggi tutto...

Era un sabato. Precisamente sabato 8 luglio del 2000 quando i paramilitari, coordinati con la Brigada XVII dell’esercito, entravano nel villaggio della Union dove decine di famiglie della Comunità di Pace avevano fatto ritorno dopo essersi rifugiate per lungo tempo a San José a causa del conflitto. Quel pomeriggio, intorno alle tre, 20 paramilitari incappucciati riunirono tutte le persone al centro del villaggio e chiesero a gran voce chi fossero i leader. Tutti in coro risposero che non vi era nessun leader, che tutti lo erano.
Gli uomini armati scelsero quindi 7 persone a caso tra la gente presente: Rigoberto Guzman, suo fratello Jaime Guzman, Elodino Rivera, Diofanor Diaz Correa, Humberto Sepulveda, Pedro Zapata e Eliecer Guzman di soli 14 anni, nipote di Rigoberto e Jaime.

Leggi tutto...

Lunedì 24 maggio 2021, il Comitato Permanente sui Diritti Umani nel mondo della Commissione Affari Esteri della Camera dei Deputati, presieduto dall’On. Laura Boldrini, ha ricevuto in audizione rappresentanti dell’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII – Operazione Colomba, Juan Camilo Zuluaga del Nodo Italia a sostegno della Commissione della Verità, Simona Fraudatario del Tribunale Permanente dei Popoli, Giovanna Martelli già deputata e Francesco Martone già senatore e portavoce della rete “In Difesa Di”, per riferire sulla situazione dei Diritti Umani in Colombia.

“Ritengo che in queste circostanze sia sempre utile anche che i deputati e le deputate possano andare direttamente nei luoghi e avere interlocuzioni con le istituzioni, con la società civile e fare un’azione di pressione diretta. Vi ringrazio di averci dato la possibilità di ascoltare da voi le istanze. Vi siamo vicini. Vi ringraziamo per quello che fate, per come lo fate e spero che riusciremo ad avere una buona sinergia perché è importante lavorare insieme, istituzioni e società civile” commenta alla fine dell’audizione l’On. Boldrini.

Da tre mesi accompagno la Comunità di Pace di San José de Apartadò in Colombia. E questo è ciò che per me significa "accompagnare".

Innanzitutto, accompagnare è rimanere informati.

Leggo, mentre bevo il caffè, le notizie sulle manifestazioni di protesta che in questi giorni inondano le città colombiane. Ogni mattina mi preoccupo e sconvolgo per la repressione violenta attuata contro chi chiede "Cambiamento".

39 omicidi[1] presumibilmente commessi da membri delle forze dell’ordine
379 desaparecidos[2]
16 casi di violenza sessuale[3]

Accompagnare è anche, e soprattutto, una presenza partecipata e coinvolta; in altre parole: condivisione quotidiana.

Vado a trovare Brigida nel suo patio rigoglioso di piante. Porto con me l'uncinetto, il filo di lana verde e l'astuccio che sto creando. Approfitto del suo esser guida per chiederle consiglio riguardo il mio lavoro. Ci vuole pazienza nello sciogliere le centinaia di nodi compiuti per poi ripartire, nodo dopo nodo, a causa di un singolo errore commesso alcuni strati prima. Ma la soddisfazione nel vedere la tua opera crescere, ordinata e compatta, è grande.

Leggi tutto...